lunedì 21 febbraio 2011

PANGRATTATO GIAPPONESE

In realtà io lo chiamavo pangrattato di emergenza.Non ho mai saputo fosse il panko giapponese,lo preparavo se mi finivano i crackers o il pane secco...Qui lo usano tantissimo.Devo dire che la prima volta l'ho comprato al supermercato già pronto,ma aveva un retrogusto pescioloso e non mi ha convinto del tutto. Poi ho deciso di farmelo da sola anche perchè davanti a noi c'è una piccola panetteria dove fanno il pane in cassetta fresco ed è davvero squisito....l'ho provato per carne,verdure e anellini di totano e tiene perfettamente. Oggi con polpette (che fantasia...)


PROCEDIMENTO
Dovete tostare due fette di pane bianco,lasciarlo raffreddare completamente per fare perdere l'umidità *io lo lascio direttamente nel tostapane! e frullarlo. A volte lo stendo su carta da pane e lo faccio seccare ulteriormente,secondo me è meglio che usarlo subito,comunque tiene la cottura molto bene anche se usato immediatamente.



Condividi su Facebook

14 commenti:

Dolci a gogo ha detto...

Tesoro questo è il famoso panko di cui ho sentito parlare e sai che dalle mie parti è introvabile quindi proverò a farmelo da sola anch'io!!!Grazie per la ricetta e baci,Imma

Ask To Emily ha detto...

Bella la ricetta del panko proverò a farlo anche io! Dicono tutti che è più buon del pan grattato!
A vivere bene ci si abitua in fretta! E il posto dove vivi tu è spettacolare!

Elisina ha detto...

beh la foto è davvero incantevole... sarà che io sono cresciuta in un piccolo paesino di semi-campagna e la tranquillità, il silenzio, le strade deserte per me sono bellissime..quando sono stata in città credevo di impazzire... per il "pangrattato giapponese" proverò a farlo.. avevo provato tempo fa a fare il pangrattato homemade, ma non era stato proprio un successo...era andato a male in pochi giorni..

Federica ha detto...

Neanch’io sapevo che fosse il panko giapponese. Ottima idea, soprattutto quando il pacco di pancarrè rimane aperto per un po’ e diventa secco. Un bacione, buona giornata

Patty Patty ha detto...

Non lo conoscevo! Non lo dire a nessuno ma panko è una parola che non avevo mai sentito! Bellissima la foto che hai postato, rende l'idea della tranquillità in cui vivete... Un bascio tesoro!

Ely ha detto...

Mi abituerei volentieri anche io ad una vita così.. solo quando vedi che si può veramente 'vivere' e non 'sopravvivere nello stress'.. ti rendi conto che forse l'esistenza può essere davvero diversa...!!! Che meraviglia, tesoro! Tengo presente la ricetta del Panko.. mai fatto e mi stuzzica l'idea!! :D Un abbraccione! :D

ஃPROVARE PER GUSTAREஃ di ஜиαтαℓια e ριиαஓ ha detto...

ciao carissima ale..
come stai..?
curiosa e interessante ricetta...
lia

Marianna ha detto...

ho scoperto il panko in una puntata di Cristina Parodi :D!!!!
Mamma mia che bella la vita tranquilla goditela tutta e danne tesoro per sempre.
Un bacione Ale ♥

Roberta Morasco ha detto...

Ecco, io nemmeno lo sapevo che esisteva il panko!
Ma che bella foto Ale..è vero ci si abitua in fretta ad un tipo di vita più a nostra misura, è alla frenesia ed all'ansia che non ci si abitua mai...ed è meglio non farlo tutto sommato e desiderare di vivere meglio, prima o poi.
Ti abbraccio tanto forte! Roberta

lalexa ha detto...

tu sei una grande!ma..il panko home made!geniale..lì deve essere un sogno Ale.sei fortunata tanto:)bacione

Margot ha detto...

Deve essere una bella dimensione, rispetto a quella di milano. La luce poi mi sembra bellissima...continuo a seguirti perché i tuoi esperimenti e la cucina del posto mi interessano un sacco :-) qui neve!

Virginia ha detto...

che invidiaaaaaaa...anche io voglio sole caldo, sto diventando trasparente da quanto sono bianca! Ricetta carinissima!

lo81 ha detto...

Non avevo idea che il panko fosse così facile da fare, beh, adesso lo provo anch'io!!

Azzurra ha detto...

ciao grazie proverò sicuramente a farlo e queste polpettine sembrano davvero ottime!!!!

se ti va passa a trovarmi

http://lacucinadiazzurra.blogspot.it/

Post più popolari